Il 25 Aprile del territorio aquilano… raccontato ai bambini

da un estratto del libro “SULLE ALI DELL’AQUILA” (I edizione 1999)

LE STRAGI
I Nove Martiri

9martiri

Numerosissime furono le vittime dell’occupazione tedesca. Ricorderemo qui alcuni drammatici episodi che hanno segnato la storia dell’Aquila e della sua provincia.
Il 23 settembre 1943, pochi giorni dopo l’occupazione, fu compiuta all’Aquila una prima inutile strage, in cui rimasero uccisi nove ragazzi.

Questi avevano cercato rifugio nelle montagne, probabilmente per evitare l’arruolamento nell’esercito del nuovo governo di Mussolini e i rastrellamenti dei Tedeschi. I giovani si erano procurati delle armi e il 22 settembre si erano incamminati verso Collebrincioni. Qui trascorsero la notte insieme a una ventina di ex prigionieri slavi e inglesi. L’indomani i militari tedeschi rastrellarono la zona per catturare i prigionieri di guerra fuggiti. Ci fu uno scontro a fuoco. Alcuni dei giovani aquilani fuggirono nelle montagne vicine, mentre una decina di essi fu presto disarmata e catturata. La notizia si diffuse immediatamente in città. I giovani furono condotti alle Casermette, dove i militari tedeschi e quelli fascisti li interrogarono e picchiarono. Quelli che non avevano armi furono rilasciati, mentre i dieci trovati armati vennero considerati ribelli e condannati a morte secondo le leggi di guerra tedesche.

L’arcivescovo dell’Aquila Confalonieri cercò di convincere i Tedeschi a non fucilare i giovani, ma inutilmente. Solo uno di loro fu salvato dall’intervento di un’autorità fascista. Gli altri nove furono costretti a scavare le fosse in cui sarebbero stati sepolti dopo
la loro fucilazione, avvenuta il 23 settembre nelle vicinanze delle Casermette. La strage fu tenuta segreta, per evitare che la popolazione si ribellasse, mentre le famiglie e i cittadini speravano di rivedere vivi i nove ragazzi alla fine della guerra.
I nomi dei Nove Martiri si legano alla storia della nostra città e vogliamo ricordarli: Anteo Alleva (17 anni), Pio Bartolini (21 anni), Francesco Colaiuda (18 anni), Fernando Della Torre (20 anni), Berardino Di Mario (19 anni), Bruno D’Inzillo (18 anni), Carmine Mancini (19 anni), Sante Marchetti (18 anni), Giorgio Scimia (18 anni).

CONTINUA A LEGGERE (scarica pdf resistenzaAQ web)

Un pensiero su “Il 25 Aprile del territorio aquilano… raccontato ai bambini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...